lunedì 17 ottobre 2011

Il regno dei simboli

Bottoni - "Il sogno del pittore"

"Per tutti noi, in un modo o nell'altro, è il processo del vivere il vero terapeuta e consulente; e soltanto vivendo la nostra vita con lealtà verso il nostro sé possiamo imparare a capirla e conoscerla veramente con la nostra esperienza.
...
 Talvolta accade, prima che affiori una vera comprensione, che una persona debba cercare molte cose e aggirarsi a lungo nel buio, soltanto con una vaga intuizione come guida. E quando affiora la comprensione è meno probabile che avvenga con un improvviso scoppio di tuono che con un piccolissimo e imprecettibile suono secco, che rappresenta un modo di percezione e rivela che abbiamo sempre saputo, solo in maniera leggermente diversa.
Nei momenti di maggior bisogno la psiche inconscia  offrirà alla coscienza i suoi simboli di totalità e del nuovo stadio del viaggio; e se non vogliamo essere ciechi, dobbiamo imparare a leggere questi simboli  nei nostri sogni e nelle nostre fantasie, così come nell'oroscopo.
E' nel regno dei simboli, dei sogni, dei miti e delle favole, nel dominio della terra dell'ombra, nel regno del figlio idiota e del compagno interiore imprigionato che dobbiamo viaggiare, segnando la nostra mappa via via che andiamo.
Se siamo troppo occupati a miurare quanto lontani siamo andati, non possiamo mai sapere se e quando arriveremo. Dobbiamo semplicemente imbarcarci, perderci nell'esperienza del viaggio, perchè il viaggio e la meta sono in ultima analisi la stessa cosa. E poi, come Parsifal, possiamo svegliarci e trovarci nel castello magico, forse una volta, forse molte volte. Ma diversamente da Parsifal possiamo avere lo spirito di chedere perchè."
Liz Greene - La relazione interpersonale - ed. Astrolabio





9 commenti:

  1. quanto sono vere queste parole Cris: il viaggio e la meta sono spesso interscambiabili; è un tema che mi sta molto a cuore!!!

    RispondiElimina
  2. Quante verità ho trovato qui,con bellissime immagini e metafore di sorprendente bellezza!

    RispondiElimina
  3. e' vero, la scoperta di qualcosa è in realtà una riscoperta di qualcosa che abbiamo sempre saputo......

    RispondiElimina
  4. @luigi: ho scelto questo pezzo perchè sentivo che ad alcuni di voi sarebbe piaciuto molto! Grazie Luigi, anch'io amo molto questo argomento!

    RispondiElimina
  5. @costantino: grazie Costantino! :-) a dire il vero con le immagini non ero molto sicura, ma se ti piacciono sono felice, forse come sempre mi ero sottovalutata!

    RispondiElimina
  6. @annarita: sono argomenti delicati e profondi che si fanno captare sei si sta in ascolto, silenziosi! un caro saluto Annarita!

    RispondiElimina
  7. Ciao Cristina, che bello leggere i tuoi post...sai mi ricordano una parte di me che poi ho perso per strada..prima o poi devo ritrovarla e equilibrarla alla Mad attuale...

    RispondiElimina
  8. ciao Serena, mi fa piacere quando passi di qui:-)))...arriverà anche lei, quella parte di te che hai perso per strada, perchè in realtà è sempre vicino a te comunque! Un bacio!

    RispondiElimina
  9. Ciao! ti piacerebbe vincere 300 euro da spendere in shopping?
    Partecipa al concorso Goldenpoint e votami a questo link

    https://app-goldenpoint.it/Vota/Sarah.aspx

    puoi votarmi fino a 10 volte, e più voti più probabilità hai di vincere :D
    un bacione!

    RispondiElimina